Un virus come animale domestico

 

Passate tutto il tempo davanti al computer, non vedete la luce del sole da giorni, fate orari impossibili e non riuscite a prendervi cura neppure di un Tamagotchi? Diciamocelo: non siete certo una persona che può prendersi la responsabilità di un animale domestico.
Eppure a volte sentite l’esigenza di aver di qualcosa di vivo a tenervi compagnia, una creatura che vi ispiri simpatia e tenerezza ma non richieda troppe cure, un esserino che sia addirittura in grado di comprendere la vostra passione per l’informatica.
Ebbene, perchè non allevare un virus del computer? Grazie al geniale team di Think Geek è da oggi possibile avere dei virus come animaletti domestici. Pet Computer Virus, infatti, non è altro che una collezione dei più famosi e classici virus informatici, tutti raccolti in un unico dispositivo e lasciati “a fermentare”.
Quasi una collezione di valore storico piuttosto che un animaletto da compagnia, questo ammasso di virus è contenuto in un piccolo drive dall’aspetto diabolico con una capacità di 16 MB, dotato di un processore Motorola MPC850 e 64 MB di RAM, su cui gira Linux. Questo animaletto digitale è in grado di connettersi alla rete ethernet e di simulare un attacco, e contiene più di trenta virus, tra i quali il famoso Michelangelo, il Love Letter, il Melissa ed il Tequila.
I più esperti potranno inoltre utilizzare il server Secure SHell del dispositivo per arricchire la propria collezione di virus una volta scovato qualche esemplare in rete.
Questo curioso animale da compagnia costa 99,99 $ (circa 64 €) e ne consiglierei l’acquisto solo agli esperti: regalare Pet Computer Virus ad un novellino sarebbe come comperare un piranha per la vostra vecchia zia.

virus.jpg

Там его могли и оставить, но не оставили, Студия Topodin, Раскрутка и продвижение сайта Ну вот, наконец, вы создали свой сайт

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *