Tre Metri Sopra il Cielo arriva su Second Life

 

Anche i meno romantici di voi saranno a conoscenza della poco originale abitudine dei teenager romani di incatenare uno dei lampioni di Ponte Milvio allo scopo di per emulare le gesta dei protagonisti del popolare romanzo (e dell’altrettanto popolare film) Tre Metri Sopra Il Cielo. La “leggenda” vuole che buttando nel Tevere le chiavi del lucchetto ci si assicurerebbe un amore duraturo.

agf98640322702110049_big.jpg

Potrei soffermarmi a questionare la banalità dell’usanza, potrei dilungarmi sul gruppo di anonimi che hanno deciso di sbarazzarsi di catene e lucchetti, esasperati da un’abitudine tanto zuccherosa, o potrei fare un favore a tutti i fan di Tre Metri Sopra il Cielo che non hanno la possibilità di arrivare fino a Roma ma che non vogliono mancare alla chiamata della massificazione adolescenziale: da oggi è possibile incatenare un lucchetto virtuale ad un altrettanto virtuale lampione, per poi buttare la chiave in un Tevere fatto di pixel.
A quanto pare, infatti, Ponte Milvio ed i suoi lucchetti hanno fatto la loro comparsa su Second Life, l’enorme universo virtuale online nel quale interagiscono ogni giorno milioni di utenti da ogni parte del mondo.
L’iniziativa viene dal sito lucchettipontemilvio.com e dalla società torinese Mustang, ovviamente a scopo promozionale. [via Eternally Cool]

secondlifeppontemilvio.jpg

[tags]ponte milvio, catena, lucchetti, lock, milvian bridge, second life, tre metri sopra il cielo, lampione, amore, federico moccia, riccardo scamarcio[/tags]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *