Tim Burton dirigerà il nuovo adattamento di Alice nel Paese delle Meraviglie

 

E’ per ora in pre-produzione, e le riprese inizieranno soltanto il prossimo Maggio, ma il nuovo adattamento cinematografico dedicato al grande classico di Lewis Carroll Alice nel Paese delle Meraviglie fa già parlare di sè. Ad occuparsi della regia di questo nuovo lungometraggio sarà infatti il mago delle favole nere Tim Burton, che con il suo gusto per il gotico e l’amore per la narrazione fantastica promette di tirare fuori il lato più tenebroso della fiaba.
Il film sarà prodotto dalla Walt Disney Entertainment e verrà realizzato con l’ormai popolarissima tecnica della performance capture (Polar Express e più recentemente Beowulf), che ne farà dunque un lungometraggio in 3D a tutti gli effetti. Alice in Wonderland uscirà nelle sale solo nel 2010, e si svilupperà sulla sceneggiatura di Linda Woolverton (il Re Leone, la Bella e la Bestia).

a0009653_14254330.jpg

Il regista, reso popolare tra i più giovani dai suoi due capolavori animati Nightmare Before Christmas e La Sposa Cadavere, ha scelto di posticipare il rifacimento in stop-motion di Frankenweenie, un cortometraggio dello stesso Burton risalente al 1984, per realizzare il suo Alice nel Paese delle Meraviglie.
“E davvero un classico, ed il suo immaginario è così surreale”, ha dichiarato Burton: “Non so, non ne ho mai visto un adattamento che mi abbia reso del tutto l’idea. E’ una serie di strane avventure, e farle funzionare sottoforma di film sarà interessante”.

tim-burton.jpg

[tags]alice, alice nel paese delle meraviglie, tim burton, stop motion, frankenweenie, alice in wonderland, performance capture, feature, film, movie, 3D, walt disney, lewis carroll[/tags]

а другие за 45 000 р topodin, Варианты этого бага различны: например такая частая ошибка, когда нажав на ссылку раздела каталога, мы видим спискок ссылок на подразделы и больше ничего

3 pensieri su “Tim Burton dirigerà il nuovo adattamento di Alice nel Paese delle Meraviglie”

  1. AAAAAAAa! giuro che se non mettono anche qui i cinema 3D, vado a vederlo all’ estero!
    Chissà come sarà… ne La fabbrica di cioccolato ha stravolto un po’ il senso del film, cioè ci ha offerto comunque una sua personalissima rilettura più che un semplice remake di un classico… vedremo…

     

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *