Archivi tag: rubik

L’ultima cena dipinta con 4000 cubi di Rubik

 

Vi ho già parlato in passato di alcuni artisti che hannofatto dei cubi di Rubik dei veri e propri strumenti del mestiere, trasformando il noto rompicapo in tavolozza e pennelli con cui creare suggestivi dipinti “a 8-bit“.
Un gruppo di appassionati dediti per l’appunto proprio alla Rubik Art si è lasciato prendere la mano ed ha creato la strabiliante opera che vedete qui in basso: una fedele (per quanto possibile) riproduzione dell’Ultima Cena di Leonardo da Vinci realizzata usando ben 4050 cubi di Rubik.
La “tela”, che misura 2,60 x 5 metri, è stata realizzata in due mesi di lavoro dal’collettivo di artisti canadesi che si fà chiamare Cube Works, ed il Guinness dei Primati la ha riconosciuta come l’opera del suo genere più grande al mondo. Un collezionista della Florida, intanto, ha già acquistato il capolavoro. [via Neatorama]

Сейчас я расскажу про основные настройки и тонкости работы Yoast WordPress SEO, которые позволят вам максимизировать отдачу от этого плагина продвижение сайтов в яндексе

Il cubo di Rubik con touchscreen

 

E’ il rompicapo che ha fatto impazzire intere generazioni, da anni è diventato oggetto di culto e ne sono state introdotte sul mercato decine di varianti diverse: il cubo di Rubik gode ormai di una popolarità enorme, che ne ha fatto un classico intramontabile per tutte le età.
Ma perchè il successo di questo rompicapo non si esaurisca, occorre stare al passo con in tempi. Oggi come oggi siamo tutti abituati a muovere oggetti virtuali semplicemente scivolandovi le dita sopra: la tecnologia touchscreen è sempre più diffusa ed apprezzata, ed in un futuro prossimo verrà applicata anche al cubo di Rubik.
E’ così che nasce Rubik’s TouchCube, che integra al familiare sistema di gioco del tradizionale cubo la tecnologia in questione: non occorrerà più girare le sezioni del cubo per allinearne i colori, ma basterà scorrere un dito sui tasselli che intendiamo muovere perchè questi si spostino automaticamente.
“Abbiamo lavorato su Rubik’s TouchCube nel corso degli ultimi tre anni, con squadre di ingegneri di due continenti diversi”, ha dichiarato la ditta che produce il cubo in un comunicato stampa: “siamo davvero entusiasti di mostrarlo al mondo”.
Rubik’s TouchCube funziona grazie a dei sensori presenti su tutte le facce e ad un accelerometro in grado di percepire il movimento e la posizione del cubo; ogni tassello è inoltre illuminato, ed il dispositivo imita perfettamente i movimenti della versione tradizionale.
Una memoria interna consente di salvare la disposizione dei tasselli in qualsiasi momento, spegnere il cubo e riaccenderlo quando si torna a giocare, ed i più nostalgici possono anche scegliere di accompagnare ai movimenti delle dita un effetto sonoro che riproduce il click dei segmenti di un cubo tradizionale mentre vengono ruotati.
Se, inoltre, la nota difficoltà di questo rompicapo dovesse portarvi all’esasperazione, il dispositivo include un programma per la risoluzione automatica, ed un sistema che offre indizi ai giocatori inesperti. Chissà come prenderanno quest’ultima notizia gli appassionati più tradizionalisti. [via Coolest Gadgets]

rubik1.jpg

Той самой аудитории Рунета, которая постоянно растет Студия Topodin, За 3 недели мне интересно, креативно и доступно рассказали, как раскручивать сайты

Il cubo di Rubik per masochisti

 

Per la maggior parte delle persone, il cubo di Rubik è un rompicapo decisamente complesso, e sono solo in pochi, risoluti individui ad avventurarsi nell’impresa di risolverlo. Per tutti gli altri il cubo di Rubik resta un gran mistero.
Ma le cose iniziano a diventare persino più complicate quando qualcuno pensa bene di mettere in vendita varianti creative del suddetto cubo, o di aumentarne il numero dei tasselli. In situazioni del genere sono solamente i veterani dei rompicapi a uscire vincitori dal duello.

v_cube_7x7x7.jpg

Ma se è una sfida davvero impossibile quella che stavate cercando, allora è il V-CUBE 7 che fa per voi: un cubo di Rubik 7 x 7 x 7, con tanti tasselli e tanto complesso che ha richiesto ai suoi creatori l’ideazione di un design speciale, lievemente bombato, che rendesse i singoli pezzi semplici da girare e l’intera procedura di risoluzione meno macchinosa.
Avete capito bene, c’è chi è in grado di affrontare questa mostruosita: date un’occhiata al video qui in basso ed osservate un V-CUBE 7 mentre viene risolto.
Ma non è tutto: il team che ha creato il mastodonte dei cubi di Rubik sta lavorando anche ai nuovi V-CUBE 8, 9,  10 ed 11, strutture escheriane ed impossibili che soltanto poche brillanti menti al mondo (con moltissimo tempo libero) sapranno risolvere.
Il V-CUBE 7 costa 48 €, o può essere acquistato assieme ai V-Cube 5 e 6 per 99 €. [via Technabob]

Только в результате грамотной SEO-оптимизации ваш сайт может попасть в ТОП поисковых систем topodin, Поэтому владельцы проектов самостоятельно или при помощи профессионалов проводят поэтапные многоуровневые проверки для выявления всех нюансов юзабилити с целью достижения максимального уровня доступности и эффективности проекта

Lo specchio di Rubik

 

Stanchi dei soliti rompicapi? Il cubo di Rubik (che in effetti  ormai ha trent’anni suonati) vi ha stancato? Siete sempre alla ricerca di nuovi enigmi? Con voi non c’è puzzle che tenga?
Allora accoglierete con entusiasmo la notizia dell’arrivo sul mercato del Rubik’s Mirror Blocks, la nuovissima e stupefacente versione di un grande classico come il cubo di Rubik. In questo caso, però, non occorre più combinare i colori ma piuttosto le forme, e viene richiesto dunque al giocatore un approccio completamente nuovo al rompicapo.

rubiks_mirror_cube.jpg

L’intero cubo è coperto da un materiale riflettente, che rende i pezzi visivamente quasi identici tra loro; la loro forma, però, fa si che solo una combinazione permetta al cubo di chiudersi perfettamente.
Non vi è ancora chiaro? Nel video qui in basso un appassionato (piuttosto abile, a giudicare dalla velocità con cui maneggia un cubo di Rubik tradizionale) apre lo “specchio di Rubik” e si ritrova, non senza difficoltà, ad affrontare l’intricata ed elegante struttura di questo affascinante rompicapo.
Non ci è ancora dato sapere il prezzo del Rubik’s Mirror Block, che verrà messo in vendita per il momento solo in Giappone, ma sono sicura che un gioco tanto affascinante non tarderà ad arrivare al più presto anche sugli scaffali dei negozi di giocattoli nostrani. [via CrunchGear, grazie Francesco]

Продвижение сайта в Google topodin, Более 80% пользователей сети Интернет ищут информацию через ПС, и такой же процент из них не идет в своем поиске далее 2-й страницы выдачи

SudoKube: il rompicapo estremo

 

Il cubo di Rubik è un grande classico che ha causato ripetute emicranie ad intere generazioni. Il Sudoku è un rompicapo relativamente giovane, di origine orientale, che si è rapidamente fatto strada in Italia diventando la nuova ossessione di tutti gli appassionati. Entrambi i puzzle presentano un livello di difficoltà non banale, invitando il giocatore ad intraprendere una complessa e (per alcuni) appassionante sfida mentale.

unbranded-sudokube.jpg

Per quanto possa sembrarvi improbabile, che chi ha pensato ad unire questi due rompicapi, creando così un enigma all’ennesima potenza in grado di rappresentare una novità per gli appassionati (ed i masochisti) di tutto il mondo. Mi riferisco a SudoKube, il primo puzzle al mondo ad unire il Sudoku ed il Cubo di Rubik. E’ proprio sulla struttura orientabile del famoso cubo colorato che sono stati montati i caratteristici tasselli del Sudoku, da organizzare ovviamente a gruppi di nove. Lo sfondo dei tasselli è rigorosamente monocromo, in modo da non dare alcun indizio al gocatore.
Vi farà inoltre piacere sapere che, secondo Wikiperdia, esiste una versione alternativa di Sudokube che presenta addirittura facciate composte da sedici tasselli ciascuna anzichè da nove.
La sfida che non avreste mai sognato di intraprendere vi costerà solo 2,99 £ (4 €) e qualche aspirina. [via NotCot]

sudokube700.jpg

, ТИЦ — &lt, 50, трафик — &lt, 50 чел topodin, По нему и статистики никакой нет (уже есть), так как это самый свежий и очень популярный тренд в мире SEO 🙂