Riattivato il robot più antico del Giappone

 

Che la robotica fosse il pallino dei giapponesi ce lo hanno dimostrato decine di cartoni animati dedicati a robottoni fantascientifici in grado di combattere le forze del male, ma a riprova della passione nipponica per gli androidi e le creature meccaniche c’è questo affascinante filmato che vi mostra il più antico robot giapponese, risvegliato di recente presso il Museo della Scienza di Osaka.

japans-oldest-robot.jpg

A dare nuova vita a questa creatura meccanica, che in effetti ha un aspetto decisamente diverso da Jeeg o da Mazinga Z, è un computer da 200.000 $, che ne controlla i motori pneumatici, rianimando il robot costruito nel 1928 dal biologo Makoto Nishimura ed alto più di tre metri.
L’androide è in grado di muovere la testa, la bocca, gli occhi e le palpebre, e verrà esibito da luglio nel Museo di Osaka. [via Engadget]

На титульном листе должны присутствовать: наименование предприятия, срок, на который бизнес-план составлен, ФИО и должность составителя, координаты и контактные данные компании, дата, когда бизнес-план составлен, Студия Topodin, Многие будут не соглашаться, т

Un pensiero su “Riattivato il robot più antico del Giappone”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *