Italia: riparare le crepe dei muri col Lego

 

Esistono alcune manifestazioni artistiche alle quali bisognerebbe offrire più risonanza: è il caso, ad esempio, del progetto di gruppo “20 Eventi” organizzato nel 2007 a Bocchignano, vicino a Roma: come si può ignorare, infatti, l’opera di Jan Vormann, che si è dedicato al minuzioso lavoro di riparare le crepe nei muri di un intero paese usando le costruzioni Lego?
Nel piccolo paesino della Sabina alcuni secolari muri in pietra esibiscono ora delle curiose chiazze colorate: è li che Vormann è intervenuto, riempiendo buchi ed intercapedini con i famosi mattoncini e regalando al luogo un aspetto senza dubbio sconcertante.

legowall.jpg
Questno non è certo il primo esempio di arte metropolitana in grado di sbalordire i passanti, e nelle città di tutto il mondo si stanno sviluppando modi sempre più creativi per dialogare con l’osservatore casuale, ma sarei davvero curiosa di conoscere le reazioni degli abitanti di questo paesino alla vista dei loro muri coperti di Lego. [via Boing Boing]

janvormannlego4.jpg

6 pensieri su “Italia: riparare le crepe dei muri col Lego”

  1. più vado avanti e più mi sento fuori dal mondo… fermo restando che, per mura portanti che sono rovinate seriamente, tanto da comprometterne la stabilità, i mattoncini del lego non sono proprio da usare, c’è pure da notare che viene ad essere stravolta l’estetica del muro, e difficilmente un comune accetta queste cose. Infine, dal punto di vista cromatico, fa decisamente schifo…. non è che per caso chi ha avuto queste idee fa parte di quella categoria di….. dei writers, che si divertono ad imbrattare tutto?

     
  2. Io lo trovo molto gradevole a vedersi, invece. E soprattutto, originale per una volta. Qualcosa di nuovo in un paese dove non si vedono belle novità da tempo. Dove sta scritto che non possiamo fare qualcosa di nuovo col grande patrimonio architettonico che abbiamo in Italia?
    E d’altro canto l’installazione non è permanente, non va ad intaccare in alcun modo la struttura del muro nè a danneggiare alcunchè. Non vedo dove sia il problema. 🙂
    E se i writers riescono a creare capolavori come questo, direi che non è il caso di disprezzare l’intera categoria con tanta superficialità. 🙂

     

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *