Pock-it: l’evoluzione del post-it ha la tasca

 

Come i post-it a loro tempo fecero storia sfruttando un’idea relativamente semplice, la trovata dei designer Pu Tai, Ayda Anlagan e Paul Blease potrebbe segnare una nuova tappa nell’evoluzione della cancelleria da ufficio. Quella pensata dai creativi in questione non è altro che una variazione del post-it, altrettanto semplice ma anche più duttile: distribuendo la colla su tre dei quattro lati del famoso bigliettino giallo, lo si trasforma in un pock-it, un post-it con la tasca.
Quante volte ci è capitato infatti di voler “allegare” agli appunti che lasciamo in giro il biglietto di un treno, dei soldi, dei biglietti da visita, il blister di un medicinale o qualsiasi altro piccolo oggetto? Con pock-it è semplice lasciare qualcosa in più di un semplice messaggio incollato sul frigorifero o accanto allo schermo di un computer. Il prodotto è semplice e geniale quasi quanto l’idea alle spalle del tradizionale post-it, ed ha tutte le carte in regola per essere messo in produzione entro breve. Possiamo solo attendere impazienti di assistere alla comparsa di pock-it nei nostri uffici.

pockit.jpg

[tags]post-it, sticky note, note, appunti, bigliettino, pock-it, pocket, tasca, nota, biglietto, Pu Tai, Ayda Anlagan, Paul Blease[/tags]

Причём именно за целевого – то есть за интересующегося Вашими товарами или услугами topodin, В Украине Google является поисковиком номер один

4 pensieri su “Pock-it: l’evoluzione del post-it ha la tasca”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *