NoPoPo: dal Giappone le batterie che potete ricaricare con la pipì

 

Arrivano dal Giappone, e faranno storcere la bocca a molti, ma bisogna ammettere che si tratta di un’invenzione piuttosto utile: le batterie NoPoPo, sviluppate da Aqua Power System, possono essere ricaricate utilizzando fluidi come la birra, il succo di mela, la cola, la saliva e persino l’urina.
Che bisogno c’è, vi starete chiedendo, di affrontare un procedimento sgradevole e poco igienico come quello di ricaricare delle batterie con la pipì? Se vi fermate a pensarci, esistono numerose situazioni di emergenza nelle quali le batterie NoPoPo potrebbero rivelarsi non solo utili, ma persino vitali.
NoPoPo è un abbreviativo per Non-Pollution Power (energia senza inquinamento), ed all’interno di ogni batteria vi è una combinazione di magnesio e carbonio che genera elettricità se mescolata ad alcuni fluidi. Ogni confezione di batterie include inoltre una pipetta per iniettare suddetti fluidi nella batteria e ricaricarla.
Le battere NoPoPo durano meno di una pila alcalina, ma hanno la stessa durata di una zinco-carbone, inquinano decisamente di meno, ed anche se i auguro di non dover mai ricorrere alla vostra urina per ricaricare un paio di batterie, trovo piuttosto divertente l’idea di ricaricare le NoPoPo con la birra. [via Technabob]

peepower_1.jpg

Поскольку мы работаем над SEO оптимизацией сайта, весь контент интересен не только пользователям, но и поисковым системам, Студия Topodin, Шпаргалка оптимизатора

Un pensiero su “NoPoPo: dal Giappone le batterie che potete ricaricare con la pipì”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *