Mac vs. Pc: la risposta di Microsoft

 

Conoscerete tutti l’interminabile e divertente serie di spot pubblicitari Apple che mettono a confronto Mac e Pc, il primo incarnato in un giovane dall’aspetto alla moda e dall’atteggiamento spigliato, il secondo raffigurato come un uomo in giacca e cravatta, sempre frustrato ed in preda allo sconforto.
Dopo due anni e quasi una cinquantina di spot, la Microsoft si è decisa finalmente a rispondere a tono con il video qui in basso.
Lanciato qualche giorno fa sulle reti televisive statunitensi, il messaggio di risposta Microsoft prende spunto proprio dagli spot Apple, presentandoci un attore assai somigliante a John Hodgman, ormai conosciuto in tutto il mondo semplicemente come “il pc”, che afferma “Hello, I’m a pc, and I’ve been made into a stereotype” (salve, sono un pc e sono stato trasformato in uno stereotipo). Sulla sua scia decine di persone, tra cui l’attrice Eva Longoria, lo scrittore Deepak Chopra, il cantante Pharrel Williams e lo stesso Bill Gates, dichiarano di “essere dei pc”, sottolineando quanto sia variegata l’utenza della Microsoft: dagli astronauti ai venditori di pesce, dagli ambientalisti agli avvocati, gli utilizzatori di pc sono tanti, sono decisamente diversi da John Hodgman ed hanno qualcosa di originale da dire.
Lo spot, che permette a Microsoft di riappropriarsi almeno in minima parte della sua identità e di allontanare lo stereotipo che Apple era riuscita ad attaccarle addosso, è la risposta alla campagna “Get a Mac”che i sostenitori dei pc attendevano da tempo.

Все знают, что SEO нужно для получения поискового трафика, являющегося максимально целевым, а значит и максимально ценным topodin, Охотнее пишут о негативном опыте

Un pensiero su “Mac vs. Pc: la risposta di Microsoft”

  1. mmmmh… bill gates dovrebbe scrivere un libro intitolato ‘come far risultare ridicola una pubblicità solo mettendoci la faccia’.
    Se parlassimo di PC/Linux sarebbe un altro discorso, ma visto che si tira in ballo windows.. NAAAAH!
    MAC FOR LIFE
    lol

     

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *