La playlist per le torture

 

Le truppe statunitensi sono piuttosto famose per avere la mano pesante, e scandali come quello di Abu Ghraib hanno portato all’attenzione dell’opinione pubblica gli abusi spesso commessi dall’esercito a stelle e strisce sui carcerati delle prigioni militari.
Durante le sessioni di interrogatori è una tattica molto comune quella di utilizzare la musica per privare i prigionieri del sonno ed indurli a confessare sotto la pressione di forte stress e spossatezza.
Lo scrittore Justine Sharrock ha creato una playlist utilizzando delle registrazioni di un interrogatorio trapelate di recente e la ha pubblicata sul sito della rivista indipendente Mother Jones. Qui in basso potete sentire l’intera compilation e farvi un’idea dell’incredibile ed improbabile mix che obbliga i prigionieri dell’esercito a rimanere svegli.
Fanno parte della playlist cantanti rap come Eminem e Tupac e gruppi di Heavy Metal come i Metallica ed i Deicide, ma non mancano neppure sorprese come Christina Aguilera e Prince. Spicca tra le altre Born in the USA di Bruce Springsteen, utilizzata probabilmente per irritare gli interrogati stuzzicando un loro presunto antiamericanismo. Atra traccia inaspettata è la sigla di Sesame Street, uno delle trasmissioni televisive dedicate ai Muppets, che in effetti può risultare esasperante una volta ascoltata per la terza volta. [Mother Jones via Wired – The Underwire]

А умение работать с данными программами сокращают время выполнения задач редактирования, замены, фильтрации и преобразования данных до 5 минут продвижение в топ яндекс: Продвижение сайта (Россия) Продвижение сайта (Россия) — это совокупность мероприятий, которые позволяют увеличить посещаемость ресурса

2 pensieri su “La playlist per le torture”

  1. …che ca**o ci fanno i Rage Against The Machine, che sono tra le band più anti-USA in assoluto, in una playlist per torturare i prigionieri dell’esercito americano??? certo che l’ignoranza di sta gente fa proprio paura

     
  2. hai ragione, l’ingoranza di certa gente fa davvero paura.. non hai pensato che magari i Rage Against The Machines sono usati per tener sveglia la gente dato il tono della loro musica, e non per il messaggio che mandano? che probabilmente ci sono canzoni più calme con messaggi più forti da usare in questo senso? ovviamente non ci avrai pensato..

     

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *