La panetteria per gli amanti del macabro

 

Non lasciatevi impressionare dalle grottesche e sanguinolente immagini che corredano questo articolo: quelli che osservate ritratti nelle foto qui in basso non sono veri arti umani nè vere teste mozzate ma è… del semplice pane.
A creare queste piccole meraviglie dell’horror commestibili è Kittiwat Unarrom, creativo di 28 anni di Ratchaburi, in Tailandia: questo fornaio vanta in realtà un diploma d’arte, e vende nella panetteria dei genitori del pane a forma di membra umane. Ispirato dalla natura della piccola attività gestita dalla sua famiglia, l’artista ha cominciato a praticare le proprie abilità di scultore proprio sul pane e questi curiosi prodotti sono il risultato della sua arte.

breadhead-1.jpg

Le pagnotte dolci preparate da Kittiwat contengono oltre all’impasto anche anacardi, uva passa e cioccolata, e non solo il signor Unarrom ne cura la preparazione e la cottura, ma si preoccupa anche di decorare e rifinire a mano ogni prodotto.
L’artista sostiene che le sue opere sono nate per sottolineare il concetto buddista secondo il quale non bisogna mai giudicare nulla dalla sua apparenza. Se non siete impressionabili e l’idea di usare finte membra mozzate per fare uno scherzo ai vostri commensali vi diverte, una galleria di immagini dedicate ai curiosi prodotti alimentari è disponibile a questo indirizzo.[via Geekologie]

bread5.jpg

В целях удобства навигации по этой статье я рекомендую использовать ссылочный навигатор, а если проще – то содержание topodin, Project Specific Queries : prehensive, specific, and useful are the reports that are offered to the client? What metrics do they cover? Do the reports inform you what the next set of steps ought to be to achieve higher rankings and when you can expect to achieve the next set of goals by? How many of your top industry keywords rank in the top 10? Which ones?

Un pensiero su “La panetteria per gli amanti del macabro”

  1. se gli ingredienti con cui fà queste sculture sono tutte genuine e salutari allora perché no, gli comprerei il pane ogni qual volta ho ospiti *__*

     

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *