La culla robotica

 

In  un futuro che sembra essere ormai non troppo lontano, i robot ci aiuteranno a fare la spesa, suoneranno per noi, ci ricorderanno dove teniamo la dentiera e si prenderanno cura delle piante di casa. Non c’è molto da stupirsi, dunque, se tra le tante mansioni che i nostri futuri aiutanti elettronici svolgeranno, ci sarà quella di baby sitter.
Ovviamente non si può negare ai neonati la presenza ed il contatto fisico dei genitori, ed una tata robot a tempo pieno potrebbe non essere una buona idea. Ma quale madre e quale padre non si risparmierebbero volentieri le levatacce a tarda notte?
La Suima crib, la prima culla robotica al mondo, ideata da un team di ricercatori dell’Università del Kyushu, in Giappone, è stata progettata in modo da reagire al pianto del bambino che vi dorme dentro: quando il piccolo si sveglia, la Suima crib lo culla finchè non si addormenta di nuovo.

suima_crib.jpg

Il ritmo al quale la culla dondola è uguale a quello del battito cardiaco di un essere umano adulto, scandito quindi per far sì che il pargoletto viva una sensazione simile a quella provata tra le braccia dei genitori. Scettici? Che ci crediate o meno, la strategia sembra funzionare, ed il video qui in basso ne è la conferma.
La culla è già in vendita per circa 5000 $, ma se i genitori più dubbiosi temono che possa rivelarsi inefficace per placare i pianti del loro bebè, possono provare Suima affittandola per un mese a 100 $. [via Gizmodo]

Реально, скажу честно, был некий депресс Студия Topodin, Повысить приоритет индексирования некоторых страниц вашего сайта можно с помощью плагина для Joomla, который может отсылать запросы на индексацию автоматически

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *