India: preservativi al tabacco per le prostitute

 

Il Paan, pressochè sconosciuto nel mondo occidentale, è il digestivo e lo “snack” più popolare in India ed in molti paesi del sud dell’Asia. Si tatta di una foglia della pianta officinale betel nella quale vengono avvolti ingredienti tra i più disparati: cocco, canditi, cardamomo, crema di lime e, molto spesso, tabacco.
Il Paan è vendutissimo in India e si usa masticarlo finchè non si trasforma in una poltiglia rossa che perde ogni sapore e che viene poi sputata. Questo curioso digestivo si mastica di abitudine alla fine di banchetti e celebrazioni o si acquista agli angoli delle strade presso diffusissimi chioschetti. Si tratta addirittura di una pratica che, se abituale, provoca dipendenza.
Di recente la Hindustan Latex Ltd., una ditta governativa specializzata in prodotti contraccettivi e per la salute, ha sviluppato una ricerca di mercato volta ad avvicinarsi a quella parte della popolazione indiana maggiormente a rischio di contrarre malattie veneree: le professioniste del sesso.
Una curiosa indagine ha portato la ditta a sottoporre ad un gruppo di prostitute prototipi di profilattici “aromatizzati” ai sapori più disparati: banana, cioccolato, fragola ed ovviamente al paan. A quanto pare la vittoria di quest’ultimo gusto è stata più che schiacciante, e tutti i soggetti della particolare indagine hanno dichiarato di apprezzare molto i preservativi in cui era stata inserita una nota di paan al tabacco.
A quanto riportano le notizie i preservativi, a cui è stato dato il nome di Aastha, saranno dapprima prodotti unicamente per essere venduti nel quartiere a luci rosse di Mumbai, ma in seguito verranno messi a disposizione anche per il pubblico generico.

aastha.jpg

[tags]preservativi, paan, tobacco, tabacco, paan, aastha, Hindustan Latex, mumbai, betel, india, indian, profilattici, condom, golden tickets, safe sex, sesso sicuro, health care[/tags]

Если Вы с любовью будете раскручивать свой сайт, он непременно будет популярен, Как создать контент-магнит?, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *