Il videogioco sulle epidemie ispirato dall’influenza suina

 

In molti sono ormai stanchi del panico generato dai mass media su questa o quella pandemia: dalla mucca pazza all’aviaria fino all’influenza suina, il minacciato cataclisma non è mai arrivato, e a noi è persino venuta voglia di riderci un pò su.
Lo hanno fatto i messicani qualche mese su, dipingendo e personalizzando le mascherine che usavano per proteggersi dal rischio di contagio, ed in questi giorni lo ha fatto anche  un gruppo di ricercatori olandesi che ha ideato un videogioco a tema influenza. Il gioco si chiama The Great Flu, La Grande Influenza, ed è stato sviluppato dai virologi dell’Erasmus Medical Center di Rotterdam.
Ma come funziona un gioco sulle epidemie? E’ molto semplice: il giocatore può dare avvio al contagio, scegliendo diversi tipi di virus (e di difficoltà), dopo di che avrà a disposizione due miliardi di dollari per contenere l’epidemia, scegliendo le misure sanitarie più adeguate.
Quale strategia sarà più efficace, bloccare gli aeroporti o chiudere le scuole? Sarà il caso di iniziare a distribuire mascherine? Bisogna ricorrere ad una campagna informativa?
Il capo del dipartimento di virologia dell’Erasmus Medical Center spiega che The Great Flu è stato progettato su modelli estremamente realistici, e di conseguenza riflette con attendibilità l’eventuale sviluppo di una pandemia nel mondo reale.
Siete curiosi? Potete giocare gratuitamente a The Great Flu online e farvi un’idea piuttosto realistica di quello a cui devono prepararsi le agenzie internazionali in caso di una vera pandemia. [via Popular Science]

thegreatflu

О раскрутке сайтов: Раскрутка сайта – это ряд мер, направленных на продвижение сайта в поисковых страницах как можно ближе к началу в списке поиска topodin, Если-же на ваш сайт ходят пять-шесть человек в день, то традиционная баннерная реклама вам не поможет

4 pensieri su “Il videogioco sulle epidemie ispirato dall’influenza suina”

  1. :-\ ho “giocato” 10 minuti, è servito solo a farmi venire una palata di paranoie….. grande idea, ci mancavano solo i videogiochi per far impanicare la gente… meno male che resident evil non è “progettato su modelli estremamente realistici”.

     
  2. non nascondo che una malsana parte di me si divertirebbe all’eventuale idea dell’uso libero di bazooka e quant’altro possa disintegrare uno zombie…. perfino una bella motosega piazzata al posto di una mano [come il grande ash]

     

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *