Il robot cuoco

 

Da bambina il mio sogno era quello di vivere in una casa completamente automatizzata, che mi desse il benvenuto una volta aperta la porta, iniziasse a trasmettere un pò di musica, mi preparasse un bagno caldo e mi cucinasse la cena. Ovviamente a dirigere le operazioni sarebbe stato un maggiordomo robot.
Ogg mi rendo conto che con l’avanzare della tecnologia questa ipotesi iniza a non sembrare più particolarmente fantascientifica, e forse un giorno tutti potremmo avere a disposizione una tata robotica come quella del cartone animato dei Jetson.
A darmi fiducia in questa possibilità sono filmati come quello qui in basso, dove un robot impara addirittura a cucinare una omelette.

cookrobot.jpg

Il robot in questione è un Fujitsu HOAP-3, e l’esperimento è stato condotto da Sylvian Calinon e da altri ricercatori del Laboratorio di Apprendimento di Algoritmi e Sistemi in Svizzera.
Semplicemente muovendo le mani robotiche di HOAP-3 gli si pò mostrare quali gesti compiere per sbattere le uova, tagliare il prosciutto e grattare il formaggio. Il robot non si limiterà a memorizzare le azioni, ma sarà anche in grado di determinare il momento più appropriato per mettere in pratica quanto imparato.
So bene che preparare un’omelette non è da considerarsi proprio il massimo dell’alta cucina, e mi domando che sapore abbia il piatto cucinato da HOAP-3, ma d’altro canto come resistere al fascino di un robot che indossa un cappello da cuoco? [via TechEblog]

Если есть свод правил, тогда их надо выполнять, а все кто хочет схитрить или обмануть его будут отправлены в топку Topodin, Изучение содержания web-страниц, которые близки по тематике к услугам и товарам вашей компании

5 pensieri su “Il robot cuoco”

  1. ciao gabriele… non per essere polemica… ma è palese il fatto che si tratta di un errore di battitura, cosa resa ancora più evidente dal fatto che si voleva scrivere può e non po’ .
    Dal contesto si capisce benissimo…

     
  2. Grazie Frida per essere corsa in mia difesa! 🙂 :*
    D’altro canto avrei dovuto prestare maggiore attenzione al momento di rileggere l’articolo, e non farmi scappare l’erroruccio.

     
  3. ma dai… su 1,538 posts…vuoi che non ci siano errori di battitura?!
    può capitare!
    Noantri rimane comunue uno dei migliori blog della rete! 😛

     

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *