I videogiochi sono meglio degli antidolorifici

 

Una recente ricerca sostenuta da una professoressa dell’università canadese Simon Fraser ha svelato al mondo che i videogame potrebbero essere una cura ben più efficace per trattare il dolore cronico rispetto a medicinali ed antidolorifici.
Alcuni esperimenti hanno dimostrato che i pazienti che si trovavano ad armeggiare con un videogioco e si immergevano in un universo virtuale lamentavano effettivamente meno sofferenza rispetto a chi era trattato unicamente con una terapia del dolore tradizionale. E’ per questo che Diane Gromala, fondatrice del laboratorio BioMedia dell’Università Simon Fraser sta sviluppando un modo per integrare le tecnologie di gioco con l’utilizzo di normali antidolorifici: l’obiettivo è quello di aiutare chi soffre di dolore cronico a gestire il proprio problema, soprattutto mentre è in attesa di ricevere un adeguato trattamento.
Non riesco in effetti ad immaginare una prescrizione medica più piacevole di “due ore al giorno di Xbox 360”, e quando penso che a tutti noi è capitato almeno una volta di dimenticare di mangiare o di dormire perchè troppo presi da un gioco, non ho difficoltà a credere che i videogiochi rappresentino un efficace metodo per distrarsi dal dolore.

pills-red-and-blue.jpg

[tags]pain, dolore, pills, pillole, antidolorifici, morfina, chronical pain, dolore cronico, videogiochi, diane gromala, Simo Fraser University, videogame, gioco, game[/tags]

, ТИЦ — &lt, 50, трафик — &lt, 50 чел topodin, По нему и статистики никакой нет (уже есть), так как это самый свежий и очень популярный тренд в мире SEO 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *