I tatuaggi per ciechi

 

I tatuaggi, che hanno da molto tempo perso la loro valenza di simboli religiosi, di marchi sociali o di rituali di iniziazione, rappresentano una forma sempre più comune di decorazione per il corpo. Il valore estetico di un tatuaggio è, ovviamente, puramente visivo. Questo impedisce purtroppo ai non vedenti di cogliere la bellezza, l’eleganza o la profondità di significato presenti in moltissime forme di body-art.
Ma esiste in effetti un modo per permettere anche a chi non vede di apprezzare le modificazioni corporee: i tatuaggi in Braille. L’idea è di Klara Jirkova, della University of Arts di Berlino, e prevede l’utilizzo di piccole placche sottocutanee in acciaio chirurgico, silicone o plastica sterile inserite in modo da formare parole e frasi nell’alfabeto utilizzato dai non vedenti.
Gli impianti sottocutanei di protesi in silicone sono sempre più popolari, ma il concetto di una nuova forma di body-art, creata per essere toccata anzichè vista è di sicuro una grande ed affascinante novità.

2421.jpg

[tags]braille, tatuaggio, protesi, silicone, acciaio chirurgico, tattoo, non vedenti, ciechi, blind, impianti sottocutanei, body art[/tags]

Именно специальность, а не хобби или заполнение досуга время от времени ctj, директор по исследованиям HeadHunter: За последние три года средняя зарплата SEO-специалиста в Москве выросла с 42 000 до 57 000 рублей

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *