Hai investito un gatto: perchè buttarlo via? Il libro di ricette per gli animali vittime della strada

 

Vi è mai capitata la tragica esperienza di investire una volpe distratta, un gatto avventato o un coniglietto innocente? Non affliggetevi, per lo meno da oggi potrete dare un senso alla vita della povera bestiola, stroncata dai vostri copertoni: se odiate gli sprechi ed amate la selvaggina, potrete tranquillamente fare arrosto la vostra vittima.
Potrà sembrarvi cinico e crudele, ma per alcuni è un sistema semplice e pratico per procurarsi carne fresca a costo zero; ed è proprio questa abitudine, diffusa soprattutto nelle zone rurali degli Stati Uniti, ad aver ispirato a Buck Peterson il suo The Roadkill Cookbook (il ricettario per cucinare animali investiti) nel 1985.
“Ho più mercato nelle zone tra il Minnesota e la Louisiana” ha dichiarato l’autore: “nei centri urbani [il libro] è un’idea regalo buffa, ma nelle zone di campagna è un pratico ricettario. Penso che a comprarlo siano più le donne degli uomini”.
Il libro, pur non perdendo mai i suoi toni ironici, è scritto come un vero e proprio manuale di cucina, ed è corredato di utili immagini (illustrazioni e non fotografie, per fortuna). Ed è sconcertante pensare che da qualche parte nel mondo c’è qualcuno che lo prende davvero sul serio.
Grazie ad un largo seguito di lettori in Australia e Nuova Zelanda, l’autore si è dedicato addirittura ad una versione internazionale del libro, che contempla specie animali tipiche di altre zone del mondo.
Il ricettario per i pirati della strada costa 6,95 $ (4,50 €).

hotsauceworld_1996_6849549.jpg

соответствуют требованиям заказчика и выполнены качественно, Студия Topodin, Источники трафика на сайте уже дважды отключался

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *