Come potrebbe finire il mondo tra due giorni

 

E’ stato ormai completato dal CERN di Ginevra, il LHC (Large Hadron Collider), un anello di collisione per adroni, o in altre parole un acceleratore di particelle, creato per approfondire e verificare alcune delle teorie elaborate sino ad ora sulla fisica delle particelle.
In parole povere l’intero dispositivo accelera delle particelle particolarmente pesanti, gli adroni, a velocità vicine a quelle della luce, in modo da farli collidere tra di loro. Le particelle che deriveranno da questi “scontri” verranno poi studiate dai fisici del CERN.

lhc.jpg

Secondo alcuni, non appena l’enorme dispositivo verrà reso operativo, e sarebbe a dire tra due giorni, l’apparecchiatura potrebbe creare un micro buco nero che finirebbe con l’inghiottire la Terra.
Le probabilità che un evento del genere cancelli la nostra esistenza e quella del nostro pianeta sono state stimate a 10-19,  e sono quindi considerate pressochè inesistenti. Inoltre, anche se questa remota possibilità prendesse corpo, evaporeremmo rapidamente senza neppure renderci conto di cosa ci sta accadendo. Ciò nonostante c’è chi non ha resistito alla tentazione di offrire al mondo una affascinante ricostruzione di quello che accadrebbe al pianeta se il LHC creasse davvero un piccolo buco nero.
I più allarmisti faranno bene a non fare programmi a lunga scadenza. [via Geekologie]

При продвижении конкурентных поисковых запросов трудно попасть в ТОП 10 Яндекса, если выбранному слову соответствует лишь одна страница на сайте официальный сайт «топодин»: Правильный рейтинг SEO-компаний Общественность нынче строит разные рейтинги SEO-компаний – кто по числу проектов в продвижении, кто по эффективности продвижения, кто по “экспертным оценкам”

14 pensieri su “Come potrebbe finire il mondo tra due giorni”

  1. “I miei calcoli indicano che il rischio che un buco nero mangi il pianeta a causa dell’esperimento è serio”, afferma il professor Otto Rossler, un chimico tedesco della Eberhard Karls University che ha presentato il ricorso alla Corte Europea dei Diritti Umani insieme ad alcuni colleghi.

    Questo è uno dei motivi perchè fa il chimico e non il fisico.

    @marcogiallo:
    Penso sia una ricostruzione, il tutto dovrebbe durare meno di un nanosecondo e non ci saranno strane luci, rumori o scosse telluriche per avvisarti. Si sparisce e basta.

     
  2. Sarebbe il mini buconero ad evaporare in un istante, non la terra, così come teorizza Hawking. Non creiamo allarmismi..

     
  3. E’ quello che spiego nell’articolo, 10-19 è la stessa probabilità che c’è di incontrare un elefante in tutù sulla metro.
    Ma ammettiamolo : se accadesse davvero, se non altro, sarebbe un modo piuttosto glorioso per estinguere la razza umana.

     
  4. risposta a marcogiallo … 20 secondi? … pippe pippe pippe pippe pippe pippe pippe pippe pippe pippe pippe pippe pippe pippe pippe pippe pippe

     
  5. Il mio papà dice che è tutta propaganda dei petrolieri… si perchè l’ unica cosa che si rischia è trovare il modo di fare la fusione nucleare. Quella che risolverebbe tutti i nostri problemi energetici per sempre.

     

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *