Digg.com e la rivolta digitale

 

Forse non a caso è successo il primo Maggio e forse Kevin Rose, il creatore di digg.com, doveva aspettarselo prima o poi. La prima ribellione “virtuale” su larga scala ha coinvolto proprio la comunità telematica maggiormente in crescita del momento: digg.com, risorsa di scambio e condivisione di articoli, notizie e siti di interesse, con 15 milioni di utenti che la visitano ogni mese.
Tutto è partito dal buon programmatore ventiquattrenne Chester Millisock, che proprio il primo di Maggio ha pubblicato su Digg una semplicissima stringa di codice che consentiva agli utenti minimamente esperti di superare le barriere delle protezioni antipirateria dei DVD ad alta definizione. Immediatamente il codice è finito in prima pagina, e con altrettanta velocità i colossi di Holywood hanno contattato direttamente Kevin Rose, invitandolo caldamente a rimuovere l’articolo, ed intimandogli conseguenze legali in caso contrario.
Chester Millisock quindi si è visto bannato ed il suo articolo è stato immediatamente cancellato. Con buona pace di digg.com e delle multinazionali dell’intrattenimento, penserete voi; ma Chester non si è arreso. E Chester aveva un sacco di amici in rete, pronti ad arrabbiarsi ed indignarsi con lui.
Ben presto centinaia di utenti hanno iniziato a votare per il post “incriminato” e a pubblicare loro stessi altri articoli contenenti il codice colpevole. La ribellione si è estesa rapidamente, quel primo maggio, ed una lotta è iniziata tra lo staff di Digg, che continuava a cancellare gli articoli contenenti il codice, e nuovi utenti, che lo reinserivano ovunque.

digglogo.jpg

Ma sarete felici di sapere che dopo un’estenuante giornata di guerriglia in rete, Kevin Rose si è finalmente arreso all’idea che digg.com fosse in realtà di proprietà della comunità virtuale che lo arricchiva e lo faceva crescere; molto più che di sua proprietà. Alla fine Kevin, il cui staff era decisamente troppo ridotto per tenere testa a centinaia di migliaia di “rivoltosi”, si è unito lui stesso alla battaglia.
Digg.com si prepara dunque ad affrontare una lunghissima battaglia legale, ma ben consapevole del fatto che non si possano mettere a tacere le voci dei milioni di utenti che rendono il sito quello che è.
Una parte delle conseguenze legali toccheranno probabilmente anche a YouTube, dove la stringa di codice è stata tramutata in una canzone dai Dinosaur Lightning, e messa online in diverse versioni.
Dunque le comunità virtuali di ogni genere stanno prendendo consapevolezza del proprio potere, sanno di avere schiere decisamente folte, di poter pensare con la propria testa e di essere la vera linfa vitale della rete; probabilmente episodi come questo entro breve non saranno più poco comuni.
Vi lasciamo con la poetica canzone ispirata alla vicenda, dal titolo di “Oh Nine, Eff Nine. Facile immaginare a cosa si riferiscano le “parole”.

[tags]digg.com, revolt, ribellione, Chester Millisock, rivolta, blue ray, technology, piracy, dvd-hd, pirateria, kevin rose, code, oh nine, eff nine, 09 F9, free, video [/tags]

Коммерческий сегмент интернет-пространства с каждым днем растет и развивается, а вместе с ним увеличивается и конкуренция в той или иной тематике репутационный менеджмент: Создание сайтов &brvbar, Продвижение и раскрутка сайта в Яндекс Раскрутка и оптимизация сайтов в Яндексе имеет ряд особенностей

Wi-max Libero! Petizione Online

 

il WiMax è una tecnologia già presente in vari paesi d’europa che permette l’utilizzo di sfruttare un’ampia banda (fino a 70Mbps) per le comunicazioni di ogni genere (soprattutto internet e telefonia).
Il punto di forza di questa tecnologia è che una sola antenna emette un segnale in grado di coprire aree con un raggio di circa 50 km quadrati. L’ installazione WiMAX non richiede equipaggiamenti particolari. Un’antenna è più che sufficiente per unterritorio vastissimo e soprattutto ha la capacità di trasmettere attraverso territori parzialmente ostruiti (montagne, palazzi…)

Come abbiamo ripetuto molte volte in questo blog, negli altri paesi Europei il WiMax è già una raltà e tutta la popolazione può liberamente usufruire del servizio. Al contrario molte e vaste aree di questo Paese ancora stentano ad essere raggiunte dall’ Adsl.

Il 9 Maggio 2007 è stato deliberato dall’autorità per le comunicazioni l’assegnazione delle frequenze necessarie al WiMax che prima appartenevano al Ministero della Difesa.
Nel mese di giugno 2007, si terrà l’asta pubblica per l’assegnazione delle frequenze per il Wi-Max.

Bisogna fare attenzione però all’uso che ne viene fatto. Attualmente, nella delibera, si parla di uso commerciale delle frequenze ma in altri paesi una parte delle frequenze sono dedicate ad usi liberi da parte della cittadinanza e quindi non commerciali.

Una Petizione Online che ho firmato e che vi invito a firmare, chiede che le concessioni per il WiMax siano assegnate per almeno 1/3 a piccoli enti, locali e pubblici che ne garantiscano il LIBERO USO da parte dei singoli cittadini anche in forma associativa SENZA FINI di LUCRO.

Schema antenna wi-max

Confidando ovviamente in un esito positivo, vorrei fare una osservazione: forse non tutti sanno che il Comune di Roma fornisce un servizio di connessione Wireless gratuito attraverso degli HotSpot situati nei parchi pubblici e in altre zione di interesse. Il sevizio viene pubblicizzato in questo modo:

Your ads will be inserted here by

Easy Plugin for AdSense.

Please go to the plugin admin page to
Paste your ad code OR
Suppress this ad slot.

“Nei luoghi pubblici di Roma coperti dagli hot spot RomaWireless chiunque può accedere comodamente alla rete come se fosse nel proprio ufficio o nella propria casa. Così l’utente potrà scaricare e inviare posta elettronica, accedere alla intranet della propria azienda o semplicemente navigare in Internet con tutta la velocità della Larga Banda immerso nei magnifici scenari dei posti più belli e suggestivi della Capitale.”

Tutto bene SE NON FOSSE CHE nella pratica il servizio è fortemente limitato, ciò che non compare sui manifesti che pubblicizzano Roma Wireless è che nei fatti la procedura per connettersi è la seguente:
una volta raggiunto il punto di interesse coperto dal sevizio, (mettiamo ad esempio il centro di Villa Borghese), una volta acceso il portatile , una volta registrati gratuitamente e compilato il form in tutti i suoi campi, fornendo un numero di cellulare valido, una volta ultimata la registrazione e aver effettuato, tassativamente entro 15 secondi dal login, una chiamata, anch’essa gratuita, con il cellulare segnalato all’atto della registrazione; una volta ricevuto l’sms con il codice di autenticazione E una volta inserito il codice nell’ apposito campo per il login ALLORA -ammesso che tutto abbia funzionato correttamente- potrete finalmente navigare gratuitamente PER UN’ ORA.

per un’ ora?????

dopo tutto quello che ho fatto dovrei come minimo poter mettere le tende … e invece no. Un’ ora. Insomma, da oggi puoi COMODAMENTE trascinare il portatile a Villa Borghese, perdere una vita per effettuare tutta la procedura di registrazione, controllare la posta e poi tornare a casa.
A buon intenditor….

vedi anche
Blog di Beppe Grillo
i Phone
Roma Wireless

[tags] Wimax, telefonia, internet, gratuito, petizione, online, wi-max libero, portatile, roma wireless, wire less, parchi, antenna, firma, wifi, mobile, diritti[/tags]

Продвижение сайта преследует цели повышения его позиций в рейтинге выдачи популярных поисковых систем и привлечения максимально возможного количество целевых посетителей topodin, другое&#8230, Как видно, общее у них одно &#8212, связь между субъектами, зачастую связанная с совместным ведением одного дела и (или) взаимным влиянием

Pepsi al cetriolo

 

E’ da un paio di giorni in vendita in tutti i supermercati Giapponesi la nuova bibita lanciata dalla Pepsi: la Ice Cucumber.
L’etichetta sulla bottiglia ne parla come di una “combinazione tra cetriolo e cola”, ma a quanto pare il sapore di cola è in effetti ridotto rispetto a quello del vegetale.
Il prezzo sarà contenuto: 140 yen (all’incirica un euro) per una bottiglietta da mezzo litro, e la bibita verrà imessa sul mercato dal distributore giapponese della Pepsi, la Suntory Ltd, che spera di venderne 200.000 confezioni entro i prossimi tre mesi.

pepsi_icecucumber_280×229.jpg

Ovviamente però la Pepsi Ice Cucumber non contiene la minima percentuale di cetriolo, ed il “fresco sapore” è stato ricreato del tutto artificialmente. La bibita è ovviamente verde menta, ed a quanto pare molte persone nel paese del sol levante la stanno acquistando per pura curiosità. Vedremo se la novità verrà apprezzata.
Si pensa che il prodotto possa presto debuttare anche negli Stati Uniti. Ammesso (e non è da escludersi) che i Giapponesi mostrino qualche minimo interessamento all’improbabile bibita.

ice-cucumber-peepsi.gif

Верстка и размещение страницы на сайте продвижение сайта на google: Отличия SEO для Яндекса и Google Алгоритмы поиска и подходы к обработке данных в Google и Яндекс — интереснейшая тема

Bill Gates vs. Steve Jobs [video]

 

Uno scontro epico tra le due menti informatiche più note al mondo: Bill Gates e Steve Jobs. Ambientata all’interno di un computer questa battaglia con un finale a sorpresa riuscirà a sancire una volta per tutte il destino del mondo (cybernetico)?

[tags]technology, computer, online, commodor, windows, mac, apple, pc, vista, desktop, os, sistema operativo, bill gates, steve jobs, tecnologia, cartoon, animation, animazione, video, free[/tags]

– Мы действительно будем оказывать услуги по оптимизации сайта в мае совершенно бесплатно – без всяких «звездочек», пометок мелким шрифтом и прочего topodin, Сквозь реальный труд и бессонные ночи напролет, стать специалистом в области поискового продвижения под силу практически каждому желающему

Yohoho! Puzzle Pirates [video]

 

Vista e considerata la passione per le avventure piratesche e le storie di corsari che si sta diffondendo a seguito del grande successo della trilogia della Disney, Pirates Of The Caribbean; non possiamo non parlarvi di un’interessante possibilità per chi ama i bucanieri.
Si tratta di Yohoho! Puzzle Pirates: un MMORPG decisamente atipico, in cui il sistema di duelli, di combattimenti e di punti esperienza caratteristico di tutti i giochi del genere è stato sostituito da dei puzzle games: giochi di abilità ed ingegno che vi aiuteranno a duellare di spada, a fare a botte, a navigare col vostro veliero, distillare rum ed a fare a gara di bevute. Esistono rompicapi per ognuna delle “attività piratesche” più caratteristiche, molti dei quali ispirati ai più famosi tra i puzzle game già esistenti; ed ovviamente se la vostra abilità verrà notata avrete la possibilità di entrare a far parte di una ciurma e chissà… magari un giorno diventare anche capitano.
Puzzle Pirates, sviluppato dalla Three Rings Design (autorice, tra gli altri, di uno strategico sul vecchio West) ed online dal 2003, è scaricabile dal sito ed è basato su una piattaforma java che gira su Windows, Mac e Linux. I requisiti richiesti al vostro computer sono decisamente minimi ed il vostro personaggio verrà guidato in parte con la tastiera ed in parte con il mouse, come nella maggior parte dei MMORPG tradizionali.

pp3.jpg

Molto spesso i giocatori si diletteranno nell’usare il caratteristico gergo piratesco (attività che viene incoraggiata dallo staff di YPP), i capitani faranno camminare i fannulloni sulla passerella, ed il vostro animale da compagnia sarà, indovinate un pò, un bel ratto (probabilmente in seguito potreste anche concedervi un pappagallo parlante o una scimmietta).
Il gioco è gratuito, e potrete giocarvi indefinitamente senza sborsare un quattrino, ma ovviamente c’è la possibilità di abbonarsi ed ottenere una “marcia in più”. Esistono due metodi di abbonamento, tenendo sempre presente che si può giocare gratuitamente finchè si vuole. si può pagare una quota mensile (9.95 $), trimestrale (24.95 $) o annuale (74.95$) ed avere così accesso ai due “oceani per abbonati”, conditi con oggetti speciali e privilegi, o potrete giocare negli oceani “a doboloni”, che sono quattro ed hanno i nomi delle tonalità di verde: potrete comperare gli oggetti con dobloni acquistabili con micropagamenti online. Se però non volete spendere soldi veri potrete sempre comperare i dobloni direttamente dagli altri pirati, usando la valuta guadagnata in gioco (i famosissimi pezzi da otto).
L’atmosfera dunque non tradirà tutte le vostre fantasie sulla vita piratesca, la grafica è leggera e gradevole e le possibilità di gioco sono pressocchè infinite. Online è reperibile un ampio e pratico manuale, la YPPedia, che vi guiderà alla comprensione di tutti gli aspetti del gioco. Dunque, cosa state aspettando? Vento alle vele!

[tags]Yohoho, Puzzle pirates, pirati, puzzle, game, videogame, gioco, mmorpg, mmo, piracy, yo ho ho, pirates of the caribbean, video, free, gratis, java[/tags]

Минимальные гарантии дают те компании, которые имеют в своем портфолио клиентов любых «мастей»: от мелких до крупных topodin, За постоянно обновляющимися алгоритмами Яндекса и Google

Superflat Louis Vuitton [video]

 

Questa psichedelica animazione pubblicitaria, realizzata per Louis Vuitton, è opera di Mamoru Hosoda (One Piece, Digimon), ed è basata sui personaggi del poliedrico Takashi Murakami, inventore del superflat style e fondatore della notissima corporation Kaikai Kiki Co., che realizza prodotti d’arte e gestisce i migliori giovani artisti Giapponesi.
Entrate dunque in questo variopinto mondo tempestato di loghi della nota firma di abbigliamento, e seguite la protagonista, una nuova Alice nel Paese delle Meraviglie firmato Louis Vuitton.

[tags]Louis Vuitton, glamour, logo, marchio, firma, abbigliamento, moda, fashion, Takashi Murakami, animazione, free, video, cartoon, style, superflat, japan, giappone, pubblicità, ad, commercial, advertising[/tags]

Я предоставляю следующие услуги: topodin, Почему же происходит именно таким образом? Клиент создал хороший качественный сайт и вполне закономерно хочет, чтобы его ресурс находился в ТОПе и получал трафик уже сейчас, а не спустя 6 месяцев

Bubble Bobble [video]

 

Per tutti gli appassionati che hanno 54 minuti a disposizione o per chiunque volesse vedere l’ultimo agognatissimo centesino quadro del poplare videgioco ecco che abbiamo scovato su youtube il video di qualcuno che addirittura ha registrato una partita completa a Bubble Bobble, dal primo all’ ultimo quadro.

Wikipedia fornisce consigli e trucchi ai giocatori di Bubble Bobble, non so voi, ma io in venti anni non avevo mai sentito parlare di niente del genere:

Dopo aver realizzato un punteggio record il giocatore può inserire al posto delle proprie iniziali alcuni fra i seguenti “nomi” attivando alcuni bonus speciali:

SEX – forchetta – i nemici si trasformano in diamanti da 6000 punti.
TAK – piovra – tutte le bolle si trasformano in “X”.
STR – fenicottero – le bolle si trasformano in escrementi sorridenti.
KTT – boccale di birra – le bolle si trasformano in pizze.
… – coltello – come SEX.
I.F, MTJ, NSO, KIM, YSH – lattina – i girasoli trasformano le creature in diamanti da 6000 punti.
Prima di inserire il credito per una partita è inoltre possibile digitare un codice, sulla consolle del videogioco, formato da una sequenza di tasti e di spostamenti della leva di gioco per attivare la modalità “original game” e “power up“. Tale modalità è attivabile solo se la sequenza viene inserita correttamente mentre viene visualizzata la schermata principale del gioco (la scritta “Bubble Bobble” all’interno di un fumetto giallo su sfondo nero);la prima consente di accedere alle porte dei diamanti al 20°,30°,40°,50° schermo anche se si perde una vita mentre il secondo consente di avere fin dal primo schermo le 3 caramelle che potenziano lo sparo e la scarpetta che aumenta la velocità e di conservarle anche perdendo la vita.

Prima di terminare ogni livello (quindi prima di scoppiare l’ultima bolla contenente l’ultimo nemico rimasto) si può attivare il “numero pari” avvicinandosi ad un muro, facendo scoppiare le bolle finché il punteggio non segni le ultime due cifre uguali tra loro. Scoppiando successivamente la bolla contenente l’ultimo nemico ogni bolla vuota rimasta fluttuante nel livello si trasformerà istantaneamente in un bonus per acquisire maggiori punti.

Per ottenere le lettere per poter formare la parola EXTEND bisogna scoppiare almeno tre mostri assieme. Per tre mostri scoppiati assieme avrete nel livello successivo 1 bolla con una lettere, se scoppiate quattro mostri assieme avrete due lettere e via dicendo. Una volta che uno dei due giocatori ha ottenuto tutte e 6 le lettere che formano la parola EXTEND, come premio si verrà trasportati direttamente al livello successivo.

Quando scoppiate le bolle con all’interno i fulmini, questi si dirigono nella direzione in cui avevate voltato la schiena nel momento dell’esplosione; succede la stessa cosa anche per le bolle con l’acqua.

[tags] bubble bobble, 100, centesimo, quadro, partita, mame, giochi retrò, video, bolle, trucchi, suggerimenti, consigli, dritte, power up, mostri [/tags]

Geyser Tube [video]

 

L’esperimento che mescola Mentos e Coca Cola per creare un piccolo geyser domestico e frizzante è ormai cosa nota ai più. Se avete mancato di vedere i numerosi video reperibili online ve ne proponiamo uno noi.
Ma non siamo qui per parlare di questa curiosa reazione chimica, in quanto fin troppo è già stato detto. Siamo qui per permettervi di passare all’azione. E cosa c’è di meglio che farlo perfettamente equipaggiati?
Insomma, si sa che le strumentazioni professionali sono di vitale importanza in qualsiasi esperimento di natura scientifica, preveda anche esso mescolare cola e caramelle.

p1797ex3.gif

Dunque eccovi il professionale Geyser Tube, perchè la ricerca scientifica ha bisogno di strumenti adeguati e tutti gli specialisti confermeranno quanto sia azzardato procedere ad un certo tipo di esperimenti con attrezzature fatte in casa.
Inserite le vostre rinfrescanti caramelle nel tubo di plastica, posizionatelo sulla bottiglia da due litri di cola (al collo della quale, noterete, è in grado di avvitarsi alla perfezione) e tirate il cordoncino. Le caramelle verranno rilasciate ed il vostro geyser partirà nell’arco di poche frazioni di secondi.
Con tutta la professionalità del caso, si capisce.

[tags]coca cola, geyser, mentos, mentos e coca, coke, experiment, science, technology, scienza, esperimento, video, free[/tags]

Инвестируйте в стабильность! Позвоните нам! Вам нужно быстро анонсировать акцию? Закажите контекстную рекламу в Google, Yandex, VKontakte и Facebook – и вы получите своевременный запуск объявления, детализированный таргетинг и нужную аудиторию topodin,