“Dario Fo” – Dalla commedia al monologo (libro)

 

Un libro, scritto da Simone Soriani e edito da Titivillus nel 2007, ripercorre la nascita e lo sviluppo del teatro di Dario Fo, (Sangiano, 24 marzo 1926) regista, drammaturgo, attore, scenografo, costumista, e impresario della sua stessa compagnia (ma anche pittore); un uomo di teatro a tutto tondo, sull’esempio di Eduardo De Filippo.
Le caratteristiche più note, ma certo non le sole, dell’opera di Fo sono l’anticonformismo e la forte carica satirica esercitata soprattutto sulla politica, sulla Chiesa e sulla morale comune. Tale sua posizione fortemente antagonistica gli ha causato non pochi problemi col potere, meritandogli la fama di artista scomodo.
All’interno della sua vastissima produzione (circa settanta lavori) i personaggi dell’attualità, della storia o del mito, sono presentati sempre in un’ottica rovesciata, opposta a quella comune (il gigante Golia è buono e pacifico, mentre Davide è un litigioso rompiscatole, Napoleone e Nelson si comportano come bambini che si fanno reciproci dispetti, ecc.).

fdh.jpg

Già nei primi spettacoli compare, sia pure in embrione, quella satira fatta di smitizzanti ribaltamenti tanto frequente nei successivi lavori di Fo.

Oltre alla comicità altrettanto importante è, infatti, la sua capacità di costruire delle perfette macchine per far ridere sul modello della farsa e del vaudeville (commedia brillante) e con rimandi al filone popolare dei lazzi della commedia dell’Arte, alle gag del circo e poi del cinema muto. Questo è il tipo di produzione alla quale Fo si è dedicato dal 1957 al 1961. Si tratta di testi che mantengono, anche a distanza di anni, una straordinaria vis comica e risultano godibilissimi anche alla lettura.
Fo usa i meccanismi della farsa, fondendoli con una satira di rara efficacia.

Nel libro l’analisi è precisa e specifica e si concentra sugli esordi del maestro premio Nobel nel teatro, sulle sue prime commedie di successo, sugli esperimenti di teatro aperto ma non solo: l’autore racconta anche episodi biografici di Dario Fo, incontri, dichiarazioni, interviste.

Gli anni sono quelli di un’Italia immersa nel boom economico ma ancora lontana da un libero clima di espressione culturale, con unaproduzione intellettuale legata, sottoposta a censure, influenzata, controllata. Nell’opera “Dario Fo – Dalla commedia al monologo” si trovano descritti i rapporti tra Fo e la televisione, da “Canzonissima” agli sketch di “Carosello”, la sua rottura con il circuito E.T.I. , la fondazione della compagnia “Nuova Scena”, le collaborazioni con Franca Rame.

Il libro è un’ottima lettura per addetti ai lavori o fans sfegatati di babbo Fo, poiché la ricerca specifica e la trattazione accademica ne allontanano il curioso lettore occasionale, come sempre succede avvicinandosi a Dario Fo la cosa più bella tra il racconto della sua vita, le sue idee e le sue dichiarazioni rimane in realtà il suo teatro: testi di grande comicità e raffinata ironia, con ritmi perfetti e invenzioni strabilianti, con un linguaggio spesso curioso e mai banale che tratteggia i mille volti dell’umanità, piccola e meschina, in cui tutti ci specchiamo.

[tags] libro, regista, darammaturgo, attore, scenografo, costumista, teatro, commedia, satira, farsa, politica, anticonformismo, gag, vaudeville, nobel [/tags]

Поведенческие факторы, реальное отношение пользователей к Вашему web-сайту, их поведение и дальнейшие действия после посещения страниц ресурса, а также брендовое окружение экспертной ссылочной массой с авторитетных интернет-изданий и нацеленность на лидерство – основные критерии, по которым определяется уровень раскрутки сайта, нацеленного на долгосрочное развитие и рост topodin, Но если десять лет назад делили собственность государственную, то сегодня добрались и до частной

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *