Archivi tag: lego

La stampante LEGO

 

Sapete già che la sottoscritta ha un debole per le costruzioni LEGO. Se così non fosse non vi avrei già mostrato come circondarvi di paccottiglia di ogni genere ispirata oppure addirittura costruita con i mattoncini in questione. E proprio quando si potrebbbe iniziare a pensare che gli appassionati si stiano spingendo un po’ troppo in là, qualcuno crea qualcosa di stupendo ed unico con il LEGO e finisce immancabilmente su Noantri.
In questo caso, il protagonista dell’articolo è un misterioso utente di B3ta, creatore della piccola meraviglia che potete ammirare nel video qui in basso: una stampante costruita interamente con costruzioni LEGO… ed un pennarello a punta morbida.
Non solo la stampante è interamente costituita di mattoncini, ma il suo creatore non ha potuto neppure fare a meno di includere nell’opera anche qualche figurina, destinata al solo proposito di “monitorare” la costruzione di una nuova stampa, e trasformare quindi il congegno in una piccola grande fabbrica mossa e controllata da piccoli personaggi di plastica.
Per realizzare la stampante, che stampa una pagina al minuto, sono servite tre settimane di lavoro, ed ovviamente è stato necessario scrivere dei driver personalizzati. La risoluzione di stampa (75 DPI) non sarà elevatissima, e il pennarello fa qualche sbavatura, ma bisogna ammettere che i lrisultato è comunque stupefacente. [via Boing Boing]

Однако никаких надбавок стоимости за попадание в ТОП на подготовительном этапе не предусмотрено topodin, Сайт регистрируется в соответствующем тематическом разделе, дается описание самого сайта, его тематика, контактные данные, адрес сайта

Riconoscere le statuine di Guerre Stellari… con la bocca

 

Sophia ha un talento più unico che raro: questa giovane ragazza tedesca è in grado di riconoscere tutte le ottanta figurine della serie LEGO Star Wars usando la bocca.
Noncurante di tutte le avvertenze sui rischi di soffocamento che compaiono su ogni scatola LEGO, Sophia dimostra al pubblico di un varietà televisivo il suo talento, riconoscendo quattro delle cinque statuine che il presentatore le fa assaggiare. Mi domando quante ore di allenamento le sono occorse per ottenere un simile risultato.
Non sono molto sicura di come questa giovane appassionata di Guerre Stellari riuscirà a sfruttare il suo talento in futuro, ma per il momento è di certo riuscita a far parlare di sè. [via Geekologie, grazie Francesco]

ч Студия Topodin, Почему же происходит именно таким образом? Клиент создал хороший качественный сайт и вполне закономерно хочет, чтобы его ресурс находился в ТОПе и получал трафик уже сейчас, а не спустя 6 месяцев

Gli anelli di San Valentino che si incastrano come il LEGO

 

Oggi è San Valentino, e persino la sottoscritta, nota per il suo cuore di pietra, non resiste alla tentazione di parlarvi di qualcosa di romantico. Eccovi dunque un suggerimento sul regalo perfetto per la vostra dolce metà: anelli LEGO ad incastro.
Una curiosa evoluzione delle normali fedine e degli anelli di fidanzamento tradizionali, questi gioielli sono perfetti per esprimere in modo diretto ma non troppo sdolcinato il legame che vi unisce al vostro lui o alla vostra lei.

schermata-2010-02-09-a-015051

Realizzati interamente in metallo riciclato, gli anelli si incastrano perfettamente proprio come un pezzo di LEGO si incastra nella base di un altro. Quale simbolo migliore per una relazione di coppia in cui ci si completa a vicenda?
Gli anelli sono in vendita a 125 $ (92 €) a coppia e possono essere ordinati di qualsiasi misura. [via Geekologie]

schermata-2010-02-09-a-015058

, Студия Topodin, E-mail спам – Массовая рассылка рекламных объявлений по электронной почте без согласия получателей

Com’è la vita in una casa di LEGO?

 

Qui su Noantri abbiamo seguito per mesi le vicissitudini della casa costruita interamente con i mattoncini LEGO: dalla sua costruzione sulle colline inglesi all’inevitabile smantellamento, quando i costi di trasporto dell’intera struttura si sono rivelati esorbitanti.
Un vero peccato, perchè i volontari che hanno partecipato all’iniziativa, a cui ha dato vita il presentatore televisivo britannico James May, hanno lavorato davvero bene: la casa ha l’acqua corrente, dei servizi igienici, una spugna e persino un letto costruiti in mattoncini. Ma prima di archiviare la storia della casa di LEGO come l’ennesima stranezza che ci ha regalato internet, non siete curiosi di sapere com sia viverci per un giorno?
Proprio James May ha deciso di trascorrere una notte nella colorata casetta, scoprendo che, pur essendo il bagno attrezzato con acqua corrente, i lavandini in LEGO non sono esattamente a tenuta stagna (e l’intera casa non resiste troppo bene alle frequenti piogge inglesi), che la spugna di LEGO è abbastanza scomoda da usare e soprattutto che camminare a piedi nudi su un pavimento fatto di mattoncini è estremamente doloroso. Ancora più difficile, quindi, deve essere stato dormire su un durissimo letto LEGO. Nonostante le piccole pecche della casa,  May si dice deliziato dall’esperienza, e resterà probabilmente molto a lungo l’unico essere umano ad aver trascorso una notte in una casa giocattolo. [via Gizmodo]

Сайт с качественным контентом интереснее посетителям, привлечение которых и есть цель любого интернет-проекта topodyn.com: Раскрутка в Google Maps ess Centre, который даёт возможность зарегистрировать компанию и отобразить её место положения в результатах поиска

Fingersi un omino della LEGO al telefono

 

Chi non ha mai ceduto alla tentazione di fare uno scherzo telefonico? L’esperienza insegna che a volte sono proprio gli scherzi più elaborati ad essere i meglio riusciti, ed il video che sto per mostrarvi è la registrazione di uno tra i migliori scherzi telefonici nei quali vi capiterà mai di imbattervi.
L’autore della telefonata chiama una ditta specializzata in costruzioni per rispondere ad un annuncio di lavoro, e si spaccia, ovviamente, per una figurina LEGO.
Immaginatevi la reazione della vittima di questo scherzo quando il protagonista gli spiega di non avere delle dita delle mani, ma solo due artigli. Immaginatevi anche che effetto deve fare sentirsi dire “sono esperto di costruzioni: ho costruito la mia auto, un galeone e una base spaziale lunare!.
Ma come reagisce, d’altro canto, un omino LEGO quando gli si spiega che il lavoro non fa per lui ed esistono ditte che non usano più i mattoni per costruire? Il nostro eroe resterà sicuramente a bocca aperta: in fondo lui con i mattoni ci ha costruito automobili, navi e persino aeroplani! Non deve essere facile essere una figurina LEGO.
In questo caso, però, non deve essere stato facile neppure essere la vittima dell’esilarante scherzo telefonico. [grazie Giorgio]

Мы можем помочь Вам улучшить реноме в интернете, с помощью комплекса мероприятий по управлению репутацией в поисковых системах topodin, Не надо ждать мгновенного эффекта после момента старта продвижения Вашего проекта

Matrix in versione LEGO

 

Non è la prima volta che gli appassionati di costruzioni rimettono in scena i loro film preferiti usando le figurine LEGO. YouTube abbonda di cortometraggi in stop motion che hanno per protagonisti proprio i famosi mattoncini, ma il video qui in basso merita indubbiamente una menzione straordinaria.
La scena ricostruita nel filmato è il famosissimo bullet time di Matrix, che Trevor Boyd and Steve Ilett, questi i nomi dei brillanti autori del video, hanno voluto ricreare per celebrare il decimo anniversario del film dei fratelli Wachowski.

Ricostruita meticolosamente in ogni dettaglio, l’intera sequenza dura solo 44 secondi ma ha richiesto 400 ore di preparazione, in cui l’azione è stata filmata fotogramma per fotogramma.
Siete poco convinti? Chi avesse ancora dubbi sulla fedeltà della reinterpretazione di LegoMatrix si ricrederà grazie al video qui in basso, che mette a confronto le due scene e mostra con quale minuzia di dettagli il bullet time sia stato ricostruito. [grazie Segolas]

Студия Topodin, Составление заголовков (ТАЙТЛОВ, ДЕСКРИПТИОН, КЕЙ, Н1) на основание распределенных ключевых слов написание составляет для одной страницы 4 грн

Il libro pop-up costruito col LEGO

 

Il video qui in basso mostra quelloche potrebbe essere il più bell’oggetto mai creato con le costruzioni LEGO. Una scena che riproduce il Kinkaku-ji (il padiglione d’oro) di Kyoto, uno dei più bei templi di tutto il Giappone, è stata trasformata in un libro pop-up in grado di aprirsi e chiudersi, e fatto interamente di mattoncini LEGO.
La “copertina” del libro rappresenta il padiglione d’oro in versione bidimensionale ma, una volta aperto, il volume rivela il suo incredibile contenuto, dischiudendo davanti alla telecamera un paesaggio in tre dimensioni estremamente fedele all’originale, e curato in ogni minimo dettaglio.
L’autore di questo capolavoro ha usato 4500 mattoncini LEGO (circa 4 kg di costruzioni), ed ha impiegato due mesi per completare l’opera. [via Geekologie]

Вот пример готового аудита Topodin, Конечно же, большей популярностью пользуется именно заграничная климатическая техника, но естественно она и стоит намного дороже отечественной

Smantellata la casa di LEGO

 

Da qualche mese a questa parte i lettori di Noantri seguono le vicende della prima casa abitabile in LEGO mai costruita, impresa voluta dal conduttore televisivo James May, che ha coinvolto un migliaio di volontari nella costruzione dell’edificio.

window_1486833i

Purtroppo ho brutte notizie per tutti i fan dei mattoncini più famosi del mondo: la casa è stata di recente smantellata.
La struttura, la cui costruzione ha richiesto 3.300.000 mattoncini LEGO, era dotato di un water funzionante, di una doccia con tanto di acqua calda e persino di un letto (non proprio comodissimo).
Nessuno, purtroppo, ha accettato di prendere in consegna la casa, neppure uno dei diversi parchi di divertimento Legoland sparsi per l’Europa, che hanno dovuto rifiutare a causa delle eccessive spese di trasporto.
All’edificio mancavano anche i regolari permessi di costruzione ed il terreno su cui sorgeva, inoltre, è destinato ad un vigneto.

article-1215526-068b88a2000005dc-483_634x417_popup_02

Qualche giorno fa, purtroppo, una squadra di demolitori armati di martelli ha buttato giù la casa di LEGO, in un’esplosione di colori davvero spettacolare.
A nulla è servita una raccolta fondi è un appello su Facebook, inutili le speranze di May, che contava sulla bontà di qualche stravagante benefattore o collezionista d’arte: la casa di LEGO è ormai storia.
Resta una nota positiva: i tre milioni di mattoncini verranno donati in beneficenza. [via Gizmodo]

article-0-068b88ac000005dc-537_634x427

Ниже мы рассмотрим основные особенности продвижения под поисковую систему Яндекс, суровое русское seo