Quando il planking va male (e fa male!)

 

Il planking è una moda (che sta quasi per passare, sostituita dall’owling) nata sui social network che consiste nel farsi fotografare in posizione sdraiata, col viso rivolto verso il terreno.

Si può scegliere un banale pavimento, un semplice prato o un sicuro materasso, ma in molti decidono di partecipare al fenomeno facendosi immortalare in pose rischiose e poco sicure.

Spesso, però, questi scatti nascondono una preparazione che è costata ai protagonisti più di una frattura. Oggi vi proponiamo una compilation di planking andati male, specificando che nessuna delle persone che vedete ha riportato ferite gravi ed ha deciso di convididere la sua disavventura con gli utenti del web.

In cucina, tra i fornelli e il lavandino:

Sul frigorifero. Anche se la foto è riuscita, della discesa non si può dire lo stesso:

Your ads will be inserted here by

Easy Plugin for AdSense.

Please go to the plugin admin page to
Paste your ad code OR
Suppress this ad slot.

Sul gommone:

Sul polistirolo, era facile prevederlo:

НЕТ! Для того, чтобы ваш сайт был, действительно, посещаем и находился в ТОП-ах поисковых систем, необходимо &#8212, комплексное продвижение сайта, Студия Topodin, Критерии хостинга, важные для продвижения сайта Важен ли хостинг для SEO? Безусловно! Хостинг является первым элементом, которому стоит уделить особое внимание при планировании SEO кампании

4 pensieri su “Quando il planking va male (e fa male!)”

  1. Quella della cucina a gas è già entrata nella storia! Una pazza furiosa che, nonostante abbia rischiato la morte, non si è arresa ed è riuscita a farsi fare la tanto desiderata foto!

     
  2. Vi faccio notare che c’è qualcuno su Repubblica.it che evidentemente segue il vostro blog, dato che più o meno tutti i video che segnalate finiscono direttamente ripublicati sulla loro vetrina “RepTV” in home page…

     
    1. Ho visto ora che il video del planking è stato ripreso da Repubblica e, successivamente, da tutti gli altri quotidiani-pecore che non sanno cosa inventarsi…

       

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *