A-Team: il primo trailer ufficiale

 

Un paio di mesi fa ho solleticato la curiosità dei lettori di Noantri annunciando un grande ritorno: l’11 Giugno 2010 arriverà nelle sale americane (e quindi poco dopo anche in Italia) il film dell’A-Team.
Prodotto da Ridley e Tony Scott e diretto da Joe Carnahan, il film sarà completamente basato sulla serie originale. Come vi avevo già anticipato qualche mese fa, dunque, Liam Neeson (Hannibal), Bradley Cooper (Sberla Templeton Peck), Quinton Jackson (Barcus) e Sharlto Copley (Murdock) interpreteranno i leggendari membri del commando più famoso della TV, e tornano a fare squadra in un film che già dal trailer si preannuncia un tripudio di azione ed esplosioni.
Certo non basta un trailer di un minuto e mezzo per giudicare se The A-Team promette bene, ma la sottoscritta ammette che quanto ha visto non le è dispiaciuto. Che ve ne pare? [via Gizmodo]

Данная статья призвана раскрыть все те секреты, которые помогут привлечь самый конверсионный,низкочастотный траффик без особых усилий, Студия Topodin, В США на человека обрушивается в среднем 5000 рекламных сообщений в день, — естественно, что у людей вырабатывается иммунитет к обычным рекламным приемам

Un pensiero su “A-Team: il primo trailer ufficiale”

  1. A Team risponde ad una concezione visiva che si sposava benissimo nel suo periodo: gli anni 80.

    Oggi, al cinema, e tra l’altro con un grandissimo budget per gli effetti speciali, le esplosioni etc (cosa sconosciuta alla serie televisiva) risponderà ad una logica completamente opposta: quella del film commerciale con il pubblico già pronto in tavola vale a dire da un lato gli amanti della serie (un’occhiata la daranno quasi per forza) dall’altro anche chi la serie non l’ha mai ben conosciuta ma è solito guardarsi i film d’azione (uomini duri, carri armati, marines… insomma tutta robaccia per me);

    E’ la storia di transformers, di terminator, e di tutte quelle icone legendarie che tornano dopo trent’anni di inanonimato solo ed esclusivamente per far soldi, più che per appagare i nostalgici.

     

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *